Crea sito

Crittografia di Tombolini Stefano

 

Introduzione alla Crittografia

La parola crittografia deriva dalle parola greche kryptòs (nascosto) e gràphein (scrivere) e significa scrittura nascosta.
La crittografia viene usata per nascondere una frase o una parola in modo che possa essere letta solo da chi è a conoscenza della chiave usata per criptarla.
Assieme alla crittografia, cioè al desiderio di nascondere informazioni, esiste anche la crittoanalisi, cioè il desiderio di scoprire le informazioni nascoste.
La parola crittoanalisi deriva dalle parola greche kryptòs (nascosto) e nal?ein (risolvere) e definisce l’insieme di tecniche usate per decifrare messaggi crittati.
Questi due termini, anche se contrapposti, appartengono ad una stessa scienza: la crittologia.

Ci sono tre principali metodi per crittografare una frase o un messaggio:
• La scrittura invisibile che utilizza inchiostri simpatici
• La scrittura convenzionale consistente in frasi di senso compiuto che sono usate convenzionalmente con significato completamente diverso
• La scrittura cifrata che cripta la frase con l’utilizzo di altri simboli, lettere o numeri. Il risultato di questo metodo crittografico consiste in una frase senza senso apparente a tutti coloro che non conoscono la chiave di crittazione.

La scrittura cifrata si può ottenere con tre metodi:
• Per trasposizione
• Per sostituzione
• In modo misto.

Il metodo per trasposizione consiste nel spostare i caratteri all’interno della frase in chiaro di una posizione x arbitraria e conosciuta.
Il metodo per sostituzione consiste nel sostituire un carattere della frase in chiaro con un altro carattere.
Il metodo misto è un’insieme dei due metodi sopraelencati.

La scrittura cifrata è il metodo più in uso, soprattutto ai giorni d’oggi, per semplicità di criptare il messaggio in chiaro. Questa semplicità fa si che possa essere utilizzata anche in campo informatico dove si ha a disposizione una grandissima capacità di calcolo ma dove non esiste il modo per ottenere le altre due metodologie di crittazione.

© Copyright 2009 Tombolini Stefano